Arts and Culture Magazine

Cioccoshow!

18 novembre 2011 by Vittoria Barbiero
Una delle fiere di gastronomia più golose, tra gusti classici e azzardati, dal nord al sud d’Italia.

______________________________

Secondo capitolo della trilogia di articoli di benvenuto al sito dedicati al cioccolato!

Dal 16 al 20 novembre Bologna ospita la manifestazione del Cioccoshow, che in occasione del suo settimo compleanno ha deciso di ispirarsi ai sette peccati capitali e, ovviamente, alla gola; ma d’altronde, da una città godereccia come Bologna cos’altro ci si poteva aspettare? E soprattutto, potevamo noi di CLAMM Cucina perderci la ghiotta occasione per farci una scorpacciata di cioccolato?

Occupando il centro dei centri, ossia piazza Maggiore, piazza Re Enzo, piazza del Nettuno, via dell’Archiginnasio, piazza Galvani e via degli Orefici, tantissime bancarelle piene delle più invitanti golosità vi aspettano a braccia e portafogli aperti per farvi assaggiare le loro creazioni, alcune delle quali sfiorano l’arte della scultura, come ad esempio le spettacolari macchine fotografiche, gli adorabili servizi da thè e caffè, gli utilissimi utensili da muratore e le copie delle scarpe dei migliori stilisti, interamente realizzati in cioccolato.

Personalmente trovo questa una delle migliori fiere di Bologna (Motorshow? Chi l’ha mai sentito nominare?), dalla quale sicuramente tornerete a casa soddisfatti e leccandovi i baffi.

Le cioccolaterie che espongono i loro capolavori vengono da tutta Italia, e finanche dal Belgio, il ché significa che potrete assaggiare specialità di varissimo genere, e non solo quelle a base di cacao: torrone, tartufi, cioccolatini, cioccolato preparato a freddo, e chi più ne ha più ne metta. In base ai dati emersi dalle persone che abbiamo intervistato – siamo o non siamo giornalisti d’assalto? – potremmo anche, volendo, confermare uno dei più radicati stereotipi italiani, ossia quello secondo il quale al Sud le persone sono più cordiali che al Nord, ma siccome questo è un articolo di cucina e non di sociologia andremo avanti a descrivere la fiera.

Ognuna delle specialità vi tenterà con promesse di attentati alla vostra linea – ma onestamente, a chi interessa mantenere la linea quando in città c’è il Cioccoshow, e anche il Mercatino di Santa Lucia che ha aperto i battenti in anticipo? quando spandono nell’aria profumi golosi che sanno di neve vista dal caldo di una coperta? Se volete approfittare della città nei suoi momenti migliori, ossia quelli che coinvolgono una manifestazione in cui si mangia, dimenticatevi di avere una bilancia e correte! E specialmente, fatelo sabato sera: le bancarelle saranno aperte fino a mezzanotte, ora in cui probabilmente si ritrasformeranno in zucche e torneranno nella loro favola di zucchero e dolcetti; così non solo potrete accontentare le vostre papille gustative, ma anche i vostri occhi, che potranno godere della splendida cornice dell’incantata piazza Maggiore di notte.

Sempre parlando con i venditori, scopriamo che, ahimè, pochi hanno un’attività secolare, magari avuta in eredità da una nonna o bisnonna (questa era la mia infantile e utopica visione, forse un po’ troppo influenzata dal film Chocolat, con Juliette Binoche e Johnny Depp). Molti hanno iniziato negli anni ’90, ma non per questo meritano meno considerazione. Sicuramente però, come in Chocolat, molti hanno tipi di cioccolato particolari: a questo proposito posso segnalarvi lo stand di Lyos Hot&Cold, un’azienda torinese che vende preparati per cioccolata calda ai gusti più stravaganti, come gelsomino e marron glacé.

Vi consiglio comunque di andare lì possibilmente con idee precise su quello che volete: il Cioccoshow non è mai stato a buon mercato ma quest’anno pare aver aumentato i prezzi, quindi prima di gettarvi a capofitto sulla prima pallina al cocco pralinato che trovate, fate un giro degli stand, è possibile che i prezzi varino da banco a banco. Se volete andare con i bambini, è a vostro rischio e pericolo, ma sicuramente li renderete felici – è il caso di dirlo – come un orso canadese davanti a una torta lasciata sul davanzale.

E se volete un altro consiglio, provate il cioccolato modicano: la sua lavorazione a freddo gli dà un sapore del tutto diverso dal normale cioccolato; il gusto è più grezzo – grazie alla particolare tecnica di produzione si possono addirittura vedere e sentire i grani di zucchero interi all’interno – e si sposa benissimo con molti altri sapori (tanto che lo si trova inscatolato aromatizzato in diverse profumazioni). Lo trovate allo stand di Ciokarrua (qui il loro sito), nel quale peraltro due gentilissimi ragazzi vi offriranno piccoli assaggi per trovare il vostro gusto preferito.

Insomma, non perdete tempo e correte! E in caso proprio non possiate recarvi a questo evento, la maggior parte degli espositori li trovate nelle annuali fiere del cioccolato che girano nelle altre città italiane.

di La Ragazza con la Valigia
foto di La Ragazza con la Valigia

3

Tags: , , , , , ,

Posted in: Eventi |

4 Commenti a “Cioccoshow!”

  1. Silvana scrive:

    Le scarpe e le borse di cioccolato sono uno spettacolo.
    Dispiace persino doverle mangiare…

  2. cescocesto scrive:

    mamma mia. il prossimo anno devo proprio venire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers:

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: